Banche

Analisi Tecnica Chevron – 24 Gennaio 2024

Chevron ha registrato un modesto profitto del 0,24% nelle recenti sessioni di trading, segnando un progressivo miglioramento dopo una partenza difficile a 130,7 Euro, al di sopra del livello più basso della giornata precedente. Nonostante la debolezza della tendenza settimanale rispetto all'indice di riferimento, l'andamento intraday ha visto il titolo concludere in ascesa a 131,8 Euro, avvicinandosi ai massimi della giornata.

La situazione tecnica di medio periodo presenta segnali negativi, ma nel breve periodo emergono spunti rialzisti, soprattutto grazie alla robusta tenuta dell'area di supporto individuata a quota 130,5 Euro. Tale elemento potrebbe indicare un potenziale cambiamento di trend in favore di uno scenario rialzista. La prossima sfida per Chevron potrebbe essere superare l'importante area di resistenza stimata a quota 132,5 Euro, aprendo la strada a ulteriori guadagni.

Da un punto di vista operativo, sembra che una ripresa rialzista del titolo sia la prospettiva più appropriata, con una possibile area di resistenza successiva individuata a 134,4 Euro. Gli investitori istituzionali, tuttavia, sembrano non essere fortemente interessati a Chevron, poiché i volumi intraday pari a 754 sono inferiori alla media mobile dei volumi a un mese. Nonostante ciò, il livello di rischio appare contenuto, con una volatilità giornaliera pari a 1,396, segnalando una direzionalità relativamente stabile del titolo.

Il recente andamento potrebbe offrire opportunità di trading, con gli investitori che dovrebbero monitorare attentamente l'evoluzione della situazione. Il superamento delle resistenze chiave potrebbe confermare un trend rialzista, mentre eventuali cedimenti potrebbero suggerire possibili opportunità di vendita da parte del mercato. Va sottolineato che la decisione di investire dovrebbe essere supportata da un'attenta analisi e una valutazione delle prospettive future del settore e dell'azienda stessa.

SCAnalisiTecnicaAzioni

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli