Banche

Analisi Tecnica Oro – 14 Febbraio 2024

Il mercato dell'oro sta attraversando un periodo di turbolenza mentre il dollaro statunitense continua a rafforzarsi, portando il metallo prezioso a lottare per mantenere il suo valore. In un contesto in cui il dollaro ha registrato il suo miglior inizio d'anno degli ultimi dieci anni, il prezzo dell'oro potrebbe presto scendere al di sotto della soglia di $2.000 per oncia, secondo analisti e piattaforme di trading del settore.

Finora quest'anno, i prezzi dell'oro sono scesi del 3,25%, mentre il suo metallo "sorella", l'argento, ha registrato un modesto aumento, raggiungendo circa $22 all'oncia. Tuttavia, il prezzo dell'argento è diminuito di oltre l'8% dall'inizio dell'anno, segnalando un trend negativo per entrambi i metalli preziosi.

Il crollo dei prezzi dell'oro ha avuto inizio dopo la pubblicazione del rapporto sull'Indice dei Prezzi al Consumo (CPI) degli Stati Uniti, che ha superato le aspettative a gennaio. Secondo il Bureau of Labor Statistics (BLS), l'inflazione annuale negli Stati Uniti è scesa al 3,1% a gennaio, rispetto al 3,4% di dicembre, superando le previsioni degli economisti. Questo dato ha spinto gli investitori a riconsiderare le prospettive di tagli o controlli dei tassi di interesse statunitensi nel prossimo futuro.

La Fed, di fronte a questa crescente inflazione, ha causato una certa agitazione nei mercati finanziari, con indici che hanno registrato crolli e rendimenti dei Treasury e del dollaro statunitense in aumento. L'indice del dollaro statunitense (DXY), che misura il valore del dollaro rispetto ad altre principali valute, ha raggiunto quota 105, evidenziando un aumento del 4% dall'inizio dell'anno. Questo rafforzamento del dollaro ha un impatto negativo sugli asset denominati in dollari, come l'oro, rendendo più costoso l'acquisto per gli investitori stranieri.

Un altro fattore che ha contribuito alla turbolenza nel mercato dell'oro sono i crescenti rendimenti dei bond in tutte le aree. Con il rendimento del bond decennale che ha superato il 4,31%, il rendimento del bond biennale sopra il 4,64% e il rendimento del bond trentennale sopra il 4,46%, l'oro è diventato più sensibile ai tassi di interesse più alti, poiché influenzano il costo opportunità dell'acquisizione di lingotti non redditizi.

In questa situazione, gli investitori stanno ora prezzando il primo taglio dei tassi di interesse alla riunione FOMC di giugno, cercando di valutare l'impatto che avrà sull'oro e sulle loro strategie di investimento. Tuttavia, resta da vedere come evolveranno i mercati nei prossimi mesi e se l'oro sarà in grado di recuperare slancio in un contesto di inflazione e tassi di interesse in aumento.

SCAnalisiTecnicaMateriePrime

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli