Banche

Analisi Tecnica Pirelli – 17 Gennaio 2024

Il gruppo attivo nella produzione di pneumatici, Pirelli, ha chiuso la recente sessione in rosso, segnando un calo del 2,08%. Questa performance negativa è stata guidata da una debolezza iniziale del titolo, che ha aperto la giornata a 5,162 Euro, sopra il minimo della sessione precedente, per poi peggiorare nel corso della riunione.

Analizzando la tendenza settimanale del titolo, emerge un andamento simile a quello dell'indice di riferimento, suggerendo che il titolo è influenzato principalmente da fattori di mercato piuttosto che da notizie specifiche legate all'azienda stessa.

L'analisi di medio periodo, tuttavia, conferma una tendenza positiva per Pirelli. Nonostante un rallentamento della linea rialzista nel breve periodo, evidenziato dal test del top a 5,248, il primo supporto è individuato a 5,014. Dall'analisi tecnica emerge una proiezione negativa a breve termine verso il supporto successivo a 4,936.

La stabilità del trend, sottolineata dalla bassa volatilità giornaliera, fissata a 1,519, rende l'investimento attraente per gli operatori che preferiscono limitare le perdite e accettare guadagni più modesti. Si consiglia quindi un'operatività di medio periodo, considerando l'interesse crescente che il mercato ha mostrato nei confronti del titolo.

Questa crescente attenzione è supportata dall'aumento dei volumi giornalieri, in contrasto con la media mobile dei volumi dell'ultimo mese, fissata a 2.424.079. Questo indica un crescente interesse degli investitori nel titolo, suggerendo che potrebbe esserci un potenziale per un ulteriore sviluppo positivo.

In conclusione, nonostante la recente chiusura in rosso, Pirelli presenta ancora segnali positivi a medio termine. Gli investitori potrebbero considerare un approccio cauto, tenendo conto della stabilità del trend e della crescente attenzione del mercato verso il titolo. Come sempre, è consigliabile effettuare ulteriori ricerche e consultare un professionista finanziario prima di prendere decisioni di investimento.

SCAnalisiTecnicaAzioni

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli