Banche

Caos alla Camera: Scontro politico sulla commissione d’inchiesta per il Covid

Nella Camera dei Deputati, il clima politico si è fatto incandescente durante l'approvazione della Commissione d'inchiesta per il Covid, con tanto di seduta sospesa a causa di uno scontro verbale che ha rischiato di trasformarsi in violenza fisica. Mentre l'esame degli ordini del giorno procedeva tra l'aspro confronto tra maggioranza e opposizione, è stato il discorso conclusivo della deputata di Fratelli d'Italia, Alice Buonguerrieri, a innescare una polemica che è rapidamente sfociata in una tumultuosa controversia.

Buonguerrieri ha preso di mira direttamente l'ex Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e l'ex Ministro della Salute, Roberto Speranza, definendoli "il peggior presidente del Consiglio e il peggior ministro della Salute della storia". Le sue dichiarazioni sono state seguite da una reazione veemente sia dall'opposizione che dalla maggioranza, culminando in uno scontro che ha costretto il presidente di turno, Fabio Rampelli, a sospendere la seduta per alcuni minuti.

Durante la pausa, si sono verificati momenti di tensione ulteriore, con un parlamentare del Partito Democratico che si è avvicinato ai banchi del governo apostrofando un sottosegretario con parole offensive. Fonti del Partito Democratico hanno raccontato che lo stesso Rampelli sarebbe sceso dallo scranno della presidenza per affrontare direttamente Speranza e Conte riguardo alle accuse mosse da Buonguerrieri.

Al ripristino della seduta, Buonguerrieri ha continuato a esprimere le sue accuse, affermando che solo Fratelli d'Italia è riuscito a portare Conte e Speranza in tribunale, dove sarebbero stati condannati. Le risposte di Conte e Speranza sono arrivate solo dopo il voto finale, con entrambi che hanno respinto le accuse e denunciato l'azione di Buonguerrieri come "fake news" e un tentativo di strumentalizzare la pandemia a fini politici.

Conte ha accusato il centrodestra di "vigliaccheria" e ha ribadito che i suoi governi non hanno nulla da nascondere, mentre Speranza ha definito l'intervento di Buonguerrieri come "squadrista" e ha sottolineato che l'istituzione della Commissione d'inchiesta è motivata solo da interessi politici ed elettorali, non dalla ricerca della verità.

La capogruppo del Partito Democratico, Chiara Braga, ha condannato l'intera vicenda come "pagina indegna" della politica italiana. Tuttavia, non tutti i partiti dell'opposizione hanno seguito la stessa linea: i deputati di Italia Viva hanno votato a favore del provvedimento, sottolineando la necessità di chiarire molti aspetti legati alla gestione della pandemia da parte del governo.

In conclusione, il dibattito sulla Commissione d'inchiesta per il Covid alla Camera dei Deputati ha evidenziato le profonde divisioni politiche e l'atmosfera infuocata che permea il panorama politico italiano, con accuse reciproche, tensioni crescenti e un'opposizione decisa a portare avanti la sua agenda politica, anche a costo di alimentare il caos e la confusione nell'aula parlamentare.

SCPoliticaItaliana, SCRilievo, SCRilievoPolitica

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli