Financial
panorama

Continua il giallo dietro l’identità di Satoshi Nakamoto

Redazione Financial Panorama
Redazione Financial Panorama

Nel mondo della criptovaluta, la figura enigmatica di Satoshi Nakamoto è stata oggetto di ferventi discussioni e speculazioni fin dalla nascita del Bitcoin nel 2008. Recentemente, una svolta interessante sembra aver gettato luce sull'identità dietro l'account X che utilizza il nome di Nakamoto: sembra che dietro a questo pseudonimo si nasconda Andy Rowe, amico stretto di Craig Wright.

I rumors sono esplosi dopo un tweet pubblicato da Rowe, annunciando il suo coinvolgimento nell'account Satoshi Nakamoto su X. La notizia ha scatenato un'ondata di discussioni e dibattiti sulla sua autenticità e sull'impatto che potrebbe avere sulla comunità delle criptovalute.

PUBBLICITÁ

Secondo alcune fonti, sia Rowe che Craig Wright sono legati a un altro account su BTC nel 2009 con il defunto Hal Finney. Tuttavia, la validità di queste affermazioni è stata messa in discussione, con alcuni sostenitori di Rowe che suggeriscono che le informazioni sotto il tweet di Satoshi potrebbero non essere del tutto accurate.

Le affermazioni di Fauvel e Rowe, che sembrano minimizzare l'importanza di quanto dichiarato da X, sono state accolte con scetticismo da parte della comunità delle criptovalute. Molti lettori hanno lasciato commenti sotto i tweet di Satoshi Nakamoto su X, sottolineando che questo non può essere il vero creatore di Bitcoin, ma piuttosto un account legato a Craig Wright senza prove tangibili.

Il ritorno in auge dell'account di Satoshi Nakamoto su X, creato solo nel 2018, ha sollevato domande sulla sua autenticità, specialmente dato che il vero creatore di Bitcoin è scomparso nel 2011. La comunità ha notato che l'account è verificato con una spunta blu, ma molti si chiedono se questa autenticazione abbia senso per una figura che ha sempre cercato l'anonimato.

L'ipotesi che la spunta blu possa essere stata ottenuta come parte di un abbonamento Premium su X o per fini di monetizzazione ha portato ulteriori speculazioni sulla reale motivazione dietro l'identità verificata. Il profilo, gestito da Rowe, era stato dichiarato inattivo per cinque anni prima del recente annuncio, alimentando ancora di più il mistero intorno a questa figura.

Il risveglio del profilo di Satoshi Nakamoto ha scatenato dibattiti accesi nella crypto-community, con diverse opinioni che emergono sulla sua autenticità e sulle intenzioni dietro il suo ritorno. Un account su X, identificato come Pledditor, ha addirittura chiesto pubblicamente a Elon Musk, proprietario di X, la cancellazione di questo presunto account falso, definendo l'intera situazione "imbarazzante".

In attesa di ulteriori sviluppi, il mondo delle criptovalute rimane sospeso tra la speranza di scoprire finalmente l'identità di Satoshi Nakamoto e la cautela nei confronti delle nuove informazioni che emergono. La verità dietro l'account X potrebbe essere molto più complessa di quanto inizialmente sembrasse.

Condividi questo articolo

Autore:

Redazione Financial Panorama

PUBBLICITÁ

Podcast

Eventi

Privacy Policy

Richiedi intervista

Parla con noi

Strumenti disponibili

Accademia

Grafico

Calendario economico

Mappa del forex

Mercati azionari

Mappa criptovalute

Report aziendali

Link rapidi

Opinioni

Materiale pubblicitario

Categorie

Economia

Criptovalute

Storie aziendali

Strategie & Escamotage

Geopolitica

Curiosità

Link rapidi

Accademia

Newsletter

Argomenti di tendenza

Titoli di Stato

Tassi di Interesse

Solana

AirBnb

Società all'estero

Blue Chip

Link rapidi

Apri calendario completo

Calendario rapido