Banche

Crisi dell’acciaio in Europa: Cause e prospettive nel futuro

Negli ultimi tempi, il settore dell'acciaio nell'Europa settentrionale e meridionale ha fatto i conti con una serie di sfide che hanno contribuito a una diminuzione dei prezzi. Fonti di mercato rivelano che questa tendenza è stata alimentata principalmente dal rallentamento delle economie europee e dalla persistente sovraccapacità.

L'economia tedesca, per esempio, ha sollevato preoccupazioni significative. Essendo il più grande motore economico dell'Unione Europea, il suo modesto tasso di crescita previsto dello 0,2% nel 2024 rispetto alle proiezioni precedenti dell'1,3% rappresenta un segnale allarmante. Tale andamento è ulteriormente aggravato dalla contrazione dello 0,3% sperimentata nel 2023. Questa situazione ha portato un notevole trader ad esprimere aperta preoccupazione riguardo alla situazione economica tedesca.

Le offerte per gli acciai laminati a caldo nel Benelux e in Italia mostrano una tendenza al ribasso, con prezzi che si avvicinano o superano i 700 euro per tonnellata. Tuttavia, si prevede che la mancanza di domanda potrebbe portare a ulteriori diminuzioni nei prossimi giorni. Nel frattempo, le cartiere del Nord Europa hanno abbassato i loro prezzi, registrando cifre tra i 720 e i 730 euro a fine febbraio, rispetto agli 800 euro di fine gennaio. Allo stesso modo, le acciaierie italiane hanno ridotto le loro offerte, passando da 710 a 670 euro la scorsa settimana.

La BCE ha una sua parte di responsabilità in questa situazione. I tassi di interesse storicamente elevati, che attualmente si attestano al 4,50%, al 4,75% e al 4% per le operazioni di rifinanziamento principali, le operazioni di prestito marginale e i depositi, rispettivamente, continuano a incidere sulla domanda. Sebbene le prospettive prevedano quattro tagli dei tassi nel 2024, gli operatori di mercato sperano in un miglioramento delle condizioni economiche nell'anno.

In Asia, il rallentamento delle economie continua a esercitare pressione al ribasso sui prezzi dell'acciaio. Le offerte provenienti da Giappone, Taiwan e India si aggirano attorno ai 610-620 euro per tonnellata nei porti europei, mentre le acciaierie vietnamite chiedono addirittura meno di 600 euro. Questo contesto mette ulteriormente sotto pressione i produttori europei.

Il sostegno finanziario dell'Unione Europea continua a influenzare i prezzi, con prospettive contrastanti. Mentre in Polonia l'elezione di Donald Tusk come Primo Ministro potrebbe portare a un impulso economico grazie ai suoi stretti legami con Bruxelles e al finanziamento di progetti verdi e digitali, altrove, come in Slovacchia orientale, i prezzi richiesti per l'acciaio rimangono alti, come dimostrato dai 760 euro richiesti da U.S. Steel Košice per la consegna a marzo.

In conclusione, il settore dell'acciaio in Europa si trova ad affrontare una serie di sfide che vanno dal rallentamento economico alle politiche della BCE e al contesto globale. Mentre alcune regioni potrebbero godere di spinte positive, altre dovranno fare i conti con prezzi in calo e incertezza economica.

SCRilievo, SCEconomiaMondiale, SCRilievoEconomia

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli