Financial
panorama

Crisi in Medio Oriente: Nasrallah avverte su un possibile secondo fronte

Redazione Financial Panorama
Redazione Financial Panorama

Il Medio Oriente continua a essere un teatro di tensioni e dichiarazioni forti, mentre il Segretario di Stato USA, Antony Blinken, è in visita in Israele. In un evento significativo, il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha tenuto un discorso a Beirut, sollevando l'ipotesi di un secondo fronte a nord per Israele, con il coinvolgimento diretto dell'Iran nel conflitto.

Nasrallah, tuttavia, sembra adottare una posizione attendista, mantenendo la pressione ma evitando un'escalation su larga scala. Ha sottolineato che "tutte le opzioni sono sul tavolo", ma la decisione dipenderà dalle sorti di Hamas a Gaza e dalle azioni future di Israele contro il Libano.

PUBBLICITÁ

Il leader di Hezbollah ha elogiato l'operazione di Hamas del 7 ottobre come "un'operazione al 100% palestinese", sottolineando la segretezza e il successo della pianificazione che ha colto di sorpresa Israele. Nonostante questa affermazione, Hezbollah si è schierato immediatamente al fianco del Movimento Islamico, conducendo operazioni sul fronte libanese per alleggerire la pressione su Gaza.

Nasrallah ha esortato i Paesi arabo-islamici a lavorare per un cessate il fuoco e interrompere le relazioni diplomatiche con Israele, un richiamo diretto anche agli Emirati, al Bahrain e al Marocco che hanno normalizzato i rapporti nel 2020.

Il leader di Hezbollah ha attribuito la responsabilità della situazione agli Stati Uniti, considerando Israele come uno strumento nelle mani americane. Ha avvertito gli USA di essere pronti a rispondere a un eventuale attacco, sottolineando la preparazione di Hezbollah per qualsiasi scenario.

Le tensioni crescenti hanno portato a una serie di minacce reciproche tra Hezbollah e Israele. Nasrallah ha avvertito Israele di non oltrepassare determinati limiti, mentre il primo ministro Benjamin Netanyahu ha risposto promettendo "perdite inimmaginabili" in caso di un'escalation.

In risposta alle dichiarazioni di Hezbollah, un portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha ammonito il gruppo di non cercare di trarre vantaggio dal conflitto in corso e ha espressamente dichiarato che gli Stati Uniti non vogliono vedere questa crisi espandersi in Libano.

La situazione rimane fluida, con la diplomazia internazionale che cerca di evitare un'escalation più ampia e di trovare una soluzione pacifica a questa crisi in continua evoluzione.

Condividi questo articolo

Autore:

Redazione Financial Panorama

PUBBLICITÁ

Podcast

Eventi

Privacy Policy

Richiedi intervista

Parla con noi

Strumenti disponibili

Accademia

Grafico

Calendario economico

Mappa del forex

Mercati azionari

Mappa criptovalute

Report aziendali

Link rapidi

Opinioni

Materiale pubblicitario

Categorie

Economia

Criptovalute

Storie aziendali

Strategie & Escamotage

Geopolitica

Curiosità

Link rapidi

Accademia

Newsletter

Argomenti di tendenza

Titoli di Stato

Tassi di Interesse

Solana

AirBnb

Società all'estero

Blue Chip

Link rapidi

Apri calendario completo

Calendario rapido