Financial
panorama

Elezioni Turchia scuotono non poca attenzione, Erdogan sotto il 50% con più del 90% delle schede

Elezioni Presidenziali in Turchia: Possibilità di Ballottaggio Mentre Erdogan Scende sotto il 50%.

Secondo i dati dell'agenzia turca Anadolu, con oltre il 91% delle schede scrutinate, Recep Tayyip Erdogan è sceso al di sotto della soglia del 50% necessaria per vincere le elezioni presidenziali al primo turno. Ciò avvicina la possibilità di un ballottaggio che si terrà il 28 maggio.

Il principale candidato di opposizione, Kemal Kilicdaroglu, si attesta ora al 44,4% dei consensi, mentre Sinan Ogan supera il 5% delle preferenze.

Kemal Kilicdaroglu, candidato dell'opposizione alle presidenziali turche, ha twittato: "La farsa, iniziata con il 60 percento, ora è scesa sotto il 50. Gli osservatori elettorali e i funzionari del consiglio elettorale non dovrebbero mai lasciare i loro posti. Non dormiremo stanotte, popolo mio". Ha inoltre lanciato un appello ai sostenitori della democrazia affinché non abbandonino i seggi elettorali fino alla consegna dell'ultima scheda firmata, sottolineando l'importanza della piena e corretta manifestazione della volontà della nazione.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato su Twitter: "Tentare di annunciare i risultati in modo avventato significa usurpare la volontà nazionale". Ha chiesto ai suoi sostenitori e collaboratori di rimanere ai seggi elettorali, a qualsiasi costo, fino a quando i risultati ufficiali non saranno finalizzati.

Secondo i dati di affluenza riportati dalla TV di Stato turca TRT, l'88,44% degli aventi diritto ha votato per il rinnovo della presidenza della Repubblica, mentre l'affluenza alle elezioni parlamentari è stata dell'85,14%.

L'alleanza di cui fa parte il partito AKP di Erdogan è in vantaggio anche nelle elezioni parlamentari, ottenendo il 67,89% dei consensi (435 deputati), mentre la coalizione di opposizione ha finora raggiunto il 21,78% (146 deputati) con il 3,25% delle schede scrutinate.

Dopo aver votato nel distretto di Uskudar, sulla sponda anatolica di Istanbul, Erdogan ha affermato: "Mi auguro che dopo il conteggio dei voti ci siano benefici per la democrazia turca". Ha inoltre sottolineato che il processo elettorale è proseguito senza incidenti o problemi.

Kemal Kilicdaroglu, il principale rivale di Erdogan, ha affermato al momento del voto: "Abbiamo tutti perso la democrazia. Ci è mancato stare insieme, ci è mancato abbracciarci. Vedrete, la primavera tornerà in questo Paese se Dio vorrà e durerà per sempre".

Complessivamente, gli aventi diritto al voto erano oltre 64,1 milioni di persone, compresi i residentiall'estero. Tra di loro, c'erano anche 4.904.672 giovani maggiorenni che avrebbero votato per la prima volta.

I membri dell'assemblea parlamentare, composta da 600 deputati, sono selezionati attraverso un sistema proporzionale in cui gli aventi diritto votano per un partito e non per un candidato. Per entrare in parlamento, un partito deve superare la soglia del 7% delle preferenze o far parte di un'alleanza che la superi. In queste elezioni, i cittadini turchi hanno avuto la possibilità di scegliere tra 36 partiti diversi. Per diventare presidente, un candidato deve superare la soglia del 50% dei consensi, altrimenti si terrà un secondo turno, previsto per il 28 maggio.

Il gruppo Renew Europe del Parlamento europeo ha invitato le autorità di Ankara a garantire elezioni libere ed eque, poiché il diritto di ogni cittadino di esprimere il proprio voto è il fondamento di ogni democrazia. Il gruppo dei liberali europei ha espresso rammarico per il fatto che il Parlamento europeo non sia stato invitato dalle autorità turche a inviare osservatori. Hanno sottolineato che la Turchia sta affrontando elezioni storiche e che, nonostante le sfide come il terremoto devastante e la situazione geopolitica, sia l'UE che la Turchia possono lavorare insieme per ottenere un cambiamento positivo.

Mentre si attende il conteggio finale dei voti e l'annuncio ufficiale dei risultati, l'attenzione è focalizzata sulla possibilità di un ballottaggio tra Erdogan e Kilicdaroglu. La Turchia si trova in un momento cruciale, e il futuro politico del paese sarà determinato dalle scelte dei suoi cittadini.

Condividi questo articolo

Autore:

Redazione Rid Investment

Podcast

Eventi

Privacy Policy

Richiedi intervista

Parla con noi

Strumenti disponibili

Accademia

Grafico

Calendario economico

Mappa del forex

Mercati azionari

Mappa criptovalute

Report aziendali

Link rapidi

Opinioni

Materiale pubblicitario

Categorie

Economia

Criptovalute

Storie aziendali

Strategie & Escamotage

Geopolitica

Curiosità

Link rapidi

Accademia

Newsletter

Argomenti di tendenza

Titoli di Stato

Tassi di Interesse

Solana

AirBnb

Società all'estero

Blue Chip

Link rapidi

Apri calendario completo

Calendario rapido