Banche

GPT Store di OpenAI: Nuovo capitolo nell’era dell’A.I. personalizzata

Dopo numerosi rinvii, sembra che il tanto atteso GPT Store di OpenAI, sviluppato dalla mente guida di Sam Altman, stia finalmente per essere inaugurato nei prossimi giorni. L'annuncio è stato fatto attraverso una mail inviata agli abbonati aziendali noti come GPT Builders, aprendo le porte a un nuovo modo di concepire l'intelligenza artificiale (IA) su misura.

L'obiettivo principale di questo nuovo strumento commerciale della Big Tech americana è fornire a aziende e startup la possibilità di creare il proprio agente di intelligenza artificiale su misura, adattato alle loro specifiche esigenze. Ciò sarà reso possibile grazie all'impiego dell'infrastruttura di intelligenza artificiale GPT-4, uno dei modelli più avanzati sviluppati da OpenAI. Ciò che lo rende particolarmente interessante è che non sono richieste competenze di programmazione per plasmare la propria intelligenza artificiale.

OpenAI assicura che qualsiasi persona sarà in grado di addestrare il proprio agente di intelligenza artificiale acquistato sul GPT Store a rispondere a una serie di domande su argomenti specifici, come ad esempio ricette di cucina. Questo rappresenta un passo avanti significativo nell'accessibilità e nell'usabilità dell'IA, poiché elimina la barriera delle competenze tecniche necessarie per sfruttare appieno tali strumenti.

Nonostante l'entusiasmo, resta ancora un interrogativo su come OpenAI intenda monetizzare questo servizio. TechCrunch ha evidenziato la mancanza di chiarezza sulla strategia economica di Sam Altman e della sua squadra. Tuttavia, considerando che ogni settimana milioni di persone in tutto il mondo si collegano a ChatGPT per porre domande all'intelligenza artificiale, c'è un enorme potenziale di mercato che potrebbe essere sfruttato attraverso il GPT Store.

È interessante notare che, sebbene inizialmente il servizio sembri essere rivolto alle aziende, la vendita di agenti di intelligenza artificiale attraverso il GPT Store potrebbe aprire la strada a una maggiore diffusione della tecnologia anche tra gli utenti individuali in futuro.

Nel frattempo, l'app di ChatGPT, disponibile su iOS e Android, ha superato le aspettative con oltre 110 milioni di installazioni in tutto il mondo. La visione di Sam Altman sembra puntare a sfruttare il GPT Store come ha fatto Apple ai tempi di Steve Jobs, rivoluzionando il panorama dell'informatica attraverso la personalizzazione e l'accessibilità dell'intelligenza artificiale.

In conclusione, il GPT Store di OpenAI rappresenta un passo significativo nel rendere l'IA più accessibile e personalizzabile per le aziende, aprendo nuove opportunità nel settore. Resta da vedere come questo nuovo capitolo influenzerà il panorama tecnologico e se riuscirà a rivoluzionare il mondo dell'informatica come auspicato da Sam Altman.

SCIntelligenzaArtificiale, SCStartUp

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli