Banche

Honduras vieta le criptovalute: Decisione della CNBS

Il 15 Febbraio 2024, la National Banking and Securities Commission of Honduras (CNBS) ha emesso una delibera che ha scosso il panorama finanziario del paese centroamericano. La decisione, presa all'unanimità, ha vietato alle istituzioni finanziarie honduregne di gestire le criptovalute. Questa mossa drastica è stata motivata dalla mancanza di regolamentazione e dalla percezione dei rischi associati alle transazioni in criptoasset.

Secondo la CNBS, la banca centrale honduregna non può garantire la sicurezza delle transazioni in criptovalute proprio perché non sono soggette a regolamentazione. Questo apre la porta a potenziali frodi, rischi operativi e legali per gli utenti. La delibera avverte che l'utilizzo delle criptovalute potrebbe cessare in qualsiasi momento, poiché non esiste un obbligo legale per le persone di accettarle come mezzo di pagamento.

La CNBS ha specificato che gli asset criptografici possono essere utilizzati per attività illecite, tra cui frodi, riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo. Pertanto, ha vietato agli istituti finanziari sotto la sua supervisione di mantenere, investire, intermediare o operare con criptovalute, crypto asset, valute virtuali, token o qualsiasi altro asset virtuale simile. Inoltre, è stato proibito loro di detenere strumenti derivati basati sui crypto asset.

Questa decisione non è stata presa isolatamente. Già nel marzo 2022, la banca centrale honduregna aveva manifestato preoccupazioni sull'uso delle criptovalute, specialmente dopo le notizie riguardanti la possibilità che il paese seguisse l'esempio di El Salvador nell'adozione del Bitcoin come valuta legale. Questo avvertimento anticipato sembra aver portato alla decisione più radicale della CNBS.

È importante notare che, nonostante il divieto imposto alle istituzioni finanziarie, i crypto exchange continuano a operare liberamente in Honduras. Tuttavia, la delibera della CNBS sottolinea l'importanza di educare il pubblico sui rischi associati alle criptovalute e di includerli nei programmi di educazione finanziaria.

Infine, la CNBS ha anche accennato alla possibilità di emettere una moneta digitale della banca centrale, suggerendo che il paese potrebbe essere aperto all'innovazione finanziaria, ma solo se regolamentata e controllata dal governo centrale.

In conclusione, la decisione della CNBS di vietare le criptovalute alle istituzioni finanziarie honduregne rappresenta un duro colpo per il settore delle criptovalute nel paese, ma potrebbe riflettersi positivamente sul controllo e sulla sicurezza del sistema finanziario nel lungo termine.

SCRilievoCrypto, SCRegolamentazioneCrypto

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli