Banche

La Bank of Japan pronta a dire addio ai tassi negativi

La Bank of Japan (BoJ) sta per intraprendere un nuovo percorso nella sua politica monetaria, abbandonando finalmente l'era dei tassi negativi per allinearsi alle politiche delle altre banche centrali. Questo cambiamento è motivato dall'inflazione persistente e dalle pressioni salariali che stanno influenzando la crescita dei prezzi. Secondo gli analisti, la decisione potrebbe arrivare già nel mese di aprile, con la possibilità di anticipazioni già nella prossima settimana.

Gli ultimi dati sull'inflazione indicano un aumento dei prezzi del 2%, in linea con l'obiettivo fissato dalla BoJ, dopo aver registrato un tasso del 2,3% a dicembre. Tuttavia, l'inflazione rimane persistente nonostante le pressioni sui salari, che sembrano rafforzare l'attesa di un possibile rialzo dei tassi da parte della Banca del Giappone.

Durante i recenti negoziati primaverili noti come "shunto" o "battaglia di primavera", la confederazione sindacale Rengo ha ottenuto consistenti aumenti salariali. L'aumento medio dei salari è stato del 5,28%, il più alto degli ultimi trent'anni, con richieste che puntavano anche a un incremento del 5,85%. Questa dinamica potrebbe sostenere un aumento dell'inflazione di natura non temporanea, spingendo la BoJ verso una normalizzazione della politica monetaria.

È probabile che questi dati convincano la BoJ ad abbandonare la politica dei tassi negativi, attualmente fissati a -0,1%, e a ritirare il controllo dei rendimenti dei titoli di stato, avviando così una normalizzazione della politica monetaria con un aumento dei tassi dello 0,1%.

Questa anticipazione è già riflessa nelle aspettative di mercato, con uno Yen che si è rafforzato nei confronti del dollaro del 1,4% durante la settimana, mentre i rendimenti dei titoli di stato giapponesi (JGB) a 2 anni hanno raggiunto un nuovo massimo dello 0,19%.

Tuttavia, non ci si aspetta che vi siano ulteriori aumenti dei tassi significativi nel prossimo futuro. Il governatore della BoJ Ueda ha confermato che il contesto di politica monetaria rimarrà estremamente favorevole per il momento, suggerendo che i prossimi rialzi dei tassi saranno modesti.

Gli analisti pongono le loro scommesse su aprile come il momento chiave per un cambiamento nella politica della BoJ. Secondo il report settimanale del Global Credit Team di Algebris Investments, i discorsi della BoJ si sono orientati verso un'ottimistica prospettiva riguardo all'incremento salariale, con sempre più membri del comitato disposti ad aumentare i tassi dello 0,1% per abbandonare la politica dei tassi negativi entro marzo.

César Pérez Ruiz, Head of Investments & CIO di Pictet Wealth Management, anticipa un primo rialzo dei tassi ad aprile anziché a metà 2024 come precedentemente ipotizzato. Pertanto, si prevede un'azione aggressiva sul mercato finanziario giapponese, con posizioni short sulla duration. Ruiz aggiunge che la BoJ potrebbe agire prima delle altre principali banche centrali, alcune delle quali stanno valutando la possibilità di abbassare i tassi.

In conclusione, la Bank of Japan si prepara a un importante cambio di rotta nella sua politica monetaria, pronto ad affrontare sfide e opportunità in un contesto economico globale sempre mutevole.

SCEconomiaMondiale, SCRilievoEconomia, SCRilievo, SCBanche

PUBBLICITÁ

Puoi seguirci anche sulle nostre piattaforme social

Altri articoli